lunedì 2 febbraio 2015

Si è chiuso con successo a Vasto il Festival della Scienza

Si è chiuso con grande entusiasmo l'edizione 2015 del Festival della Scienza.
Il tema "Confini" ha caratterizzato una settimana di appuntamenti che si sono svolti sia nella sede di via San Rocco che in altri spazi della città, come la Sala Mattioli e Palazzo d'Avalos o le altre scuole di Vasto e San Salvo.
Tante le proposte dell'evento organizzato dal Polo Liceale Mattioli e VastoScienza: laboratori, esperimenti, conferenze, spettacoli e momenti musicali.
Novità assoluta di questa 16ª edizione è stata la Notte del Mattioli, con i "talent show" Master Chef Mattioli e Scienza in 3 minuti.
Due momenti che hanno visto un grande coinvolgimento di studenti, docenti e famiglie per apprezzare la scienza anche da altri punti di vista. Tante le realtà del territorio che hanno scelto di collaborare con il Festival.
Anche sabato, giornata conclusiva del Festival, non sono mancati gli appuntamenti interessanti, come la conferenza a cura dei Lions Club Vasto Host. Sul tema "Nutrire il pianeta" hanno incontrato gli studenti il dottor Donato De Falcis, il dottor Ercole Ranalli e la professoressa Ester Vitacolonna. All'esterno dell'istituto era presente anche la clinica mobile di oculistica, con i dottori Maurizio Fiore e Fabiana Perna, dell'equipe del prof. Mastropasqua (Università D'Annunzio), per visite oculistiche gratuite. Centinaia i ragazzi, provenienti dalle scuole del territorio, coinvolti come visitatori o come protagonisti di interessanti laboratori e spettacoli.
Tanti anche gli ex alunni del Mattioli, oggi affermati professionisti in diversi settori, tornati nella loro scuola per condividere con gli attuali studenti le loro esperienze lavorative.
Al termine del Festival, Silvana Marcucci (dirigente scolastico del Mattioli) e Rosa Lo Sasso (direttore scientifico del Festival) hanno espresso la loro soddisfazione per come gli studenti hanno preso parte a questa sedicesima edizione e hanno ringraziato enti, associazioni e sponsor, per aver permesso di vivere una settimana dedicata alla diffusione del sapere scientifico.

Nessun commento:

Posta un commento